domenica 7 ottobre 2018

Giornalista saudita critico della corruzione di Casa Saoud rapito o assassinato in Turchia!

Alcuni mesi fa lo scribacchino prezzolato Thomas Friedman si lanciava in entusiastiche lodi del 'rinnovatore' saudita Mohammed bin Salman.
Non c'é che dire, é molto 'rinnovante' fare assassinare o rapire i giornalisti scomodi che si trovano all'estero.

Le autorità turche hanno indicato che Jamal Khashoggi, un eminente giornalista saudita noto per le sue critiche al regime wahabita, avrebbe potuto essere ucciso nel consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul dove è scomparso martedì scorso.

Due fonti turche hanno detto sabato che credevano che Khashoggi fosse stato ucciso all'interno del consolato. Una fonte ha riferito all'agenzia di stampa sionista Reuters che elementi del consolato saudita avevano programmato l'omicidio di Khashoggi nella struttura e quando hanno ucciso il giornalista, hanno spostato il corpo all'esterno.

"La valutazione iniziale della polizia turca è che il signor Khashoggi sia stato ucciso nel consolato saudita a Istanbul. Crediamo che l'omicidio sia stato premeditato e che il corpo sia stato successivamente spostato dal consolato ", ha detto la fonte, senza approfondire.

Tuttavia, una fonte del consolato saudita a Istanbul ha negato il rapporto Reuters sull'omicidio di Khashoggi nella sede diplomatica.



La fonte ha detto in una dichiarazione che le accuse fatte dalle fonti turche contro il consolato erano infondate.

La dichiarazione afferma che gli investigatori sauditi che erano arrivati ​​come parte della squadra di sicurezza a Istanbul all'inizio della giornata stavano contribuendo alle indagini della Turchia sulla questione.

Una fonte di sicurezza turca ha detto a Reuters che un gruppo di 15 cittadini sauditi, inclusi alcuni funzionari, è arrivato in Turchia a bordo di due aerei nello stesso giorno della scomparsa di Khashoggi.

La fonte ha detto che la squadra era al consolato lo stesso giorno e in seguito ha lasciato la Turchia alla volta dell'Arabia Saudita.

L'agenzia di stampa ufficiale turca Anadolu ha anche affermato in un rapporto che i 15 cittadini sauditi erano stati al consolato solo per un breve periodo lo scorso martedì. Sembra quindi probabile che, lungi dal 'collaborare alle ricerche' siano stati costoro a fare sparire Khashoggi, uccidendolo o sequestrandolo.

Un alto funzionario turco dice che Ankara farà luce su dove e sui dettagli della scomparsa del giornalista saudita.
Khashoggi, un esplicito critico del governo saudita, viveva in esilio negli Stati Uniti dal 2017, quando le autorità saudite hanno lanciato una massiccia repressione contro il dissenso. Stava cercando di ottenere la documentazione per il suo imminente matrimonio quando entrò nel consolato saudita a Istanbul. La sua fidanzata ha aspettato fuori dal consolato per ore senza averne sentito parlare.

Funzionari sauditi hanno detto poche ore dopo la scomparsa di Khashoggi che aveva lasciato la missione diplomatica. Ankara dice che non ci sono state prove per confermare la richiesta.

Tuttavia, ci sono stati rapporti nei media arabi che suggeriscono che Khashoggi sia stato rapito lo stesso giorno della sua scomparsa e fatto uscire dall'altra entrata del consolato saudita a Istanbul. Il quotidiano libanese al-Akhbar ha detto che il giornalista sarebbe stato portato in Arabia Saudita con l'apparente consenso delle autorità di intelligence turche.

Una gran brutta faccenda.

1 commento:

  1. 15 sicari venuto da ryad e poi fatto rimpatriare subito hanno ucciso e dilaniato il corpo del giornalista rapporti erdogan bin salman al capolinea

    RispondiElimina