giovedì 18 ottobre 2018

Lavrov alla stampa francese denuncia le provocazioni occidentali e il crescente rischio di incidenti!


Le provocazioni occidentali, la prospettiva dello scoppio di una guerra mondiale e la posizione più vicina della Cina alla Russia sono solo alcuni degli argomenti trattati dal Ministro degli Esteri Sergei Lavrov nel corso di un intervista con reporter francesi.
"Saremo pronti anche per provocazioni su larga scala. Ma la nostra risposta è molto semplice: se ci parlano attraverso i media, risponderemo anche attraverso i media, ma in modo specifico e corretto ", ha detto Lavrov rispondendo alle domande di RT France, Paris Match e Le Figaro.

Andando oltre, ha detto che una terza guerra mondiale è uno scenario inimmaginabile, osservando che "tutti dovrebbero dimostrarsi abbastanza sani da non permettere che accadesse". Tuttavia, un fattore aggravante è l'assenza di qualsiasi dialogo tra l'esercito russo e la NATO.

Le tensioni sono ancora alte tra i due, ha detto Lavrov, citando il recente incidente a mezz'aria in cui un jet da combattimento spagnolo ha rilasciato casualmente un missile aria-aria durante una missione di addestramento nei cieli estoni. "Grazie a Dio, non ci furono vittime, ma cosa sarebbe successo se fosse atterrato sul suolo russo? Tutto è così vicino lì. "

Gli Stati Uniti stanno aggiornando la propria dottrina nucleare, ha dichiarato il diplomatico.

"Stanno creando armi nucleari a bassa potenza con il chiaro intento di usarle potenzialmente in combattimento".

Il clima politico tossico nelle capitali europee e Washington rende estremamente difficile ricucire  rapporti cordiali, ha aggiunto Lavrov. Mentre la Commissione Europea rimane "intrappolata" dai paesi che si oppongono alla riconciliazione con la Russia, le élite americane stanno alimentando anche le tensioni. "Penso che sia sciocco rimanere ostaggi ai capricci dei legislatori americani", ha detto.

Mentre l'Occidente continua ad applicare sanzioni contro Mosca e tagli commerciali, le relazioni della Russia con Pechino e altre potenze asiatiche sono in costante miglioramento. "Dovevamo compensare il basso livello di cooperazione economica con l'Europa", ha spiegato il ministro degli Esteri. "E abbiamo visto crescenti opportunità in Cina, India, Giappone, Corea".

La Cina, dopo tutto, è il principale partner internazionale della Russia, ha osservato.

"Non abbiamo mai avuto simili relazioni con la Cina, come ora".

In precedenza, Lavrov si era scagliato contro Occidente mentre si rivolgeva all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Alcune potenze occidentali cercano di preservare il loro "autoproclamato status di leader mondiali" e non hanno remore a fare pressione sugli altri, ha detto all'epoca.

Anche se non ha elencato i paesi, ha detto che usano "ricatti politici, pressione economica e forza bruta". Il mondo ora "deve pagare un prezzo elevato per queste ambizioni egoistiche da parte di un piccolo gruppo di paesi", secondo Lavrov.

Esortando la comunità mondiale a preferire il dialogo sotto pressione, ha suggerito: "Diktat e coercizione dell'epoca coloniale dovrebbero essere inviati nell'archivio, o piuttosto nella pattumiera, della storia".

4 commenti:

  1. Testimoni hanno riferito che vi erano più persone nell'attentato di kerch (Crimea) perché le autorità russe affermano che l'attentatore suicida(ex studente) era l'unico colpevole? Come al solito il Cremlino vuole nascondere la verità ?

    RispondiElimina
  2. Come al solito il Cremlino vuole nascondere la verità ?
    bravo se continui così freghi il posto alla goracci e forse anche a clemente.
    Bam Bam

    RispondiElimina