martedì 8 novembre 2016

Le forze siriane avanzano nell'Est di Homs per liberare l'importante località di Arak!

Grazie al poderoso sostegno di numerosi elicotteri russi Mi-24 e Mi-28 l'Esercito Arabo Siriano, i commandos del Battaglione Ghepardo, i miliziani dell'NDF e i volontari delle Aquile della Zawbaa (del partito SSNP) hanno lanciato una serie di attacchi contro posizioni dell'ISIS nell'estremo Est di Homs.
L'operazione scatta poco dopo l'avaria e la conseguente distruzione di un elicottero russo, avvenuta senza alcuna perdita di personale, che evidentemente stava compiendo una ricognizione per individuare possibili bersagli.



Numerosi posti di blocco e postazioni dei takfiri sono state conquistate, specie intorno ad Arak, località-crocevia fondamentale per completare la liberazione della Provincia di Homs e per riuscire a spingere le operazioni in direzione di Deir Ezzour.

15 commenti:

  1. non sarà forse che, come in precedenza, stanno facendo una manovra per sviare i subumani dal vero obbiettivo, cioè la presa di Al Bab, attirandone il più possibile lontano dal nord-est di Aleppo?

    RispondiElimina
  2. Ma e' arrivato poi il gruppo della Kutnezov?

    RispondiElimina
  3. Si sono arrivati sta notte nelle acque tra cipro e la Siria

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Stanotte la prima democrazia del mondo,unica nazione indispensabile(nostra luce perenne),eleggera'il suo 45mo presidente,che la guidera'con intelligenza e onesta' per i prossimi 4 anni,nell'interesse del popolo americano e della pace mondiale.................................
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA....!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "pace mondiale" altrimenti detta "pax eterna". ;-D

      Elimina
    2. Eh, quanto alla pace mondiale, c'è poco da ridere, purtroppo. Se sguinzagliano la Killary e le sue lobby...

      Elimina
  7. Penso che questa manovra (attacco ad Arak), sia la conseguenza della paventata offensiva kurda e amerikana su Al-Raqqah. Infatti l'dea dei governativi, è congiungersi con Deir-Ezzour, così da lasciare (nella peggiore delle
    ipotesi), agli amerikani e company, solo una piccola zona intorno ad Al-Raqqah. Mentre l'attacco ad Al-Bab, viene effettuato per isolare i turki e i suoi sgherri a nord (nei pressi del confine turko). Con la conquista (anche con
    reparti siriani) di Al-Bab stessa, diplomaticamente (e senza clamore), le due enclave kurde non saranno unite (che a qualche furdokan dà molto fastidio), e si può stare tranquilli, ma il vero motivo è chè così facendo i turki non possano avanzare lungo l'Eufrate in direzione di Al-Raqqah. Tutte queste manovre, costrigeranno ad allentare la presa su Aleppo (è quello che volevano), ma la conquista di una grossa porzione della città (o la probabile divisione in due della sacca -vedesi l'attacco a Islamic Cemetery, lungo la M4-), dovrebbe poter bastare. Il tutto è molto complicato, e l'deale sarebbe un ulteriore aiuto delle milizie alleate (irakeni, iraniani, ecc.) specie per Aleppo e zona nord (ma come fanno altri, in maniera segretessima), mentre spero ancora che l'arrivo della squadra russa, possa cambiare in maniera notevole le carte in tavola. Come si direbbe
    in Occidente (ma anche in tutto il mondo), che dio benedica l'Esercito Siriano, e il popolo siriano, stanno facendo (lo penso veramente) cose impossibili.
    N.B.- non credo che i subumani (se hanno di fronte l'esercito siriano), si ritireranno come a Jarabulus, ma combatteranno ache se sono in pochi; i siriani, con unità corazzate potrebbero superarli (lasciando piccole sacche), ecc., ecc.. Ma questo è una decisione da parte dei Comandi di Zona e più sù. Torno a ripetere: Onore all'Esercito Siriano e a tutti i suoi alleati.

    RispondiElimina
  8. Per ultimo, dato che il gruppo della Kutnezov, è arrivato nelle acque prospicienti la Siria, i suoi aerei (fra qualche giorno), potrebbero aiutare le unità meccanizzate ed altro per la conquista di Arak e oltre (spianando la strada -è zona quasi desertica-), anche per far capire agli amerikani che essi operano su invito del governo di Damasco, mentre gli amerikani stessi, sono invasori (bella frase detta da Gianus). Se la manovra avrà successo, qualcuno ci ripenserà, prima di parlare sugli assetti della Siria orientale.
    N.B.- mi permetto di tifare (pultroppo) per i subumani; che resistano agli americani e company a Al-Raqqah, così i piani dello studio ....... andranno a farsi benedire, mentre quelli dei siriani potranno progredire.

    RispondiElimina
  9. Pultroppo devo continuare il post:
    Da un quotidiano italiano (forse amico di Barbapapà, chi lo sà, sà di cosa parlo):

    ...... Le milizie curde Ypg, ovvero la forza predominante in seno alle Sdf, sono considerate "terroriste" dalla Turchia in quanto legate ai separatisti curdi del Pkk che si battono contro Ankara. Il capo di Stato maggiore Usa, Joseph Dunford, ha cercato di rassicurare il governo turco durante un incontro avuto oggi ad Ankara con il suo omologo Hulusi Akar. "La coalizione e la Turchia lavoreranno insieme su un piano di lungo termine per conquistare, mantenere e governare Raqqa", ha detto. Ma il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è tornato a ribadire la sua opposizione al ruolo militare delle milizie curde a ridosso della frontiera turca, affermando che è "ingenuo" pensare di combattere l'Isis "con un'altra organizzazione terroristica".......

    Insomma; Al-Raqqah, e da conquistare, mantenere (interdizione agli altri -ovvero il governo siriano-) e governare insieme ai turki. Non dico altro.
    Spero, e lo dico ancora una volta (pultroppo), che i subumani resistano, così almeno per una volta favoriscono Damasco.-
    N.B.- oggi ho scritto anche troppo.-

    RispondiElimina
  10. Ad Al Raqqah esistono vie di fuga? Essendo la loro capitale non credo la cederanno come hanno fatto per i Turni.

    RispondiElimina
  11. la Turchia sembra (sembra!) ormai (dopo il golpe di giugno) una "variabile indipendente". Da seguire assolutamente la manovra su Arak.

    RispondiElimina
  12. News:
    dal trasponder di una nave rifornimento aggregata, sembra che il gruppo navale......., sia equidistante tra la costa turka, la costa siriana e la punta settentrionale di Cipro. Quindi a circa 50 miglia marine (90-100 km) dalla costa siriana stessa. Sembra sia passata tra Cipro e la turkia, e sembra che abbia rallentato (nell'ultimo tratto) nel Mediterraneo Orientale, probabile che sarà prospiciente le acque siriane stanotte o domani, in modo da lanciare un
    messaggio alla signora tric-trac.-

    RispondiElimina